Giornata Preghiera, Papa: fermare guerre, Dio chiederà conto

20 ott 2020

Si è svolto a Roma, sul colle del Campidoglio, il trentaquattresimo incontro internazionale e interreligioso “Nessuno si salva da solo - Fraternità e Pace” promosso dalla Comunità di Sant'Egidio. C'era il Presidente della Repubblica Mattarella, c'erano capi e rappresentanti delle principali religioni, quella cristiana, quella ebraica, la musulmana, la Chiesa ortodossa e il buddhismo Soto Zen. Tutti a pregare in luoghi vicini. Papa Bergoglio nella basilica di Ara Coeli, altri in aree messe a disposizione dal Campidoglio e poi tutti insieme per lanciare un messaggio univoco: “Le religioni sono sorelle nel volere la pace”. Hanno detto che, però, nessun popolo da solo può garantirsi. E quest'anno, oltre al problema delle guerre, c'è la pandemia. Quello del Papa suona come un avvertimento. “Oggi i dolori della guerra sono aggravati anche dalla pandemia del Coronavirus e dall'impossibilità in molti Paesi di accedere alle cure necessarie. La pace è la priorità di ogni politica. Dio chiederà conto a chi non ha cercato la pace o ha fomentato le tensioni e i conflitti, di tutti i giorni, i mesi, gli anni di guerra che hanno passato e che hanno colpito i popoli.” Secondo il Capo dello Stato Mattarella, questo è un tempo che rende evidente quanto le esigenze che ci accomunano implichino il bisogno di collaborazione, come nel caso del Covid e del vaccino. “Vale, riguardo alla pandemia che stiamo attraversando, perché le cure e i vaccini che la scienza potrà fornirci siano resi disponibili per tutti, in tutto il mondo. La sofferenza che tutti i continenti stanno provando assume il significato di un richiamo che la storia ci rivolge per la pace e la cooperazione fra i popoli della famiglia umana.” L'incontro si chiude con la simbolica accensione da parte di tutti i leader religiosi del candelabro della pace.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.