Governo, maggioranza in pressing: Draghi resti a Chigi

29 nov 2021

Elezione del Capo dello Stato e rischio fine legislatura, mai come in questo periodo, sono percorsi che rischiano di intrecciarsi non fosse altro perché da mesi si parla della possibilità che sia proprio Mario Draghi a traslocare da Palazzo Chigi al Quirinale, con tutto quello che ne viene a partire da una maggioranza il cui collante, per ora, sta proprio nel nome del Premier. E così, nelle ultime ore, si moltiplicano gli appelli al Presidente del Consiglio. A partire da Silvio Berlusconi che chiede al Governo di lavorare con serietà fino al 2023 quando, dice, saremo usciti dall'emergenza. Quanto ad un'eventuale corsa verso il Colle il Cavaliere tiene la linea: "Non intendo occuparmene fino a quando il Presidente Mattarella sarà in carica. Penso non si debba ridurre a piccole tattiche e a calcoli di convenienza la scelta del nuovo Capo dello Stato". Esternazioni condivise pubblicamente da Matteo Salvini: "Draghi sta lavorando bene. Mi auguro che continui a lavorare a lungo e a fare il Presidente del Consiglio", spiega strappando con l'alleata, ma all'opposizione, Giorgia Meloni, che più volte invece ha candidato il Premier al Colle più alto. La linea della maggioranza dunque sembra compatta: "L'Italia non può permettersi di perdere Draghi", spiega Luigi Di Maio, in sintonia con Calenda che profetizza "un gran casino" se Draghi si trasferisse al Quirinale. Smentisce il desiderio di voto, per avere gruppi parlamentari scelti da lui, Enrico Letta: "Le elezioni saranno tra 18 mesi e bisogna usare la maggioranza larga di questo periodo di pandemia per fare riforme" e sul Colle aggiunge: "Continuo a ritenere sempre che il Presidente della Repubblica debba essere eletto con largo consenso. A maggior ragione questa volta". Al pressing su Draghi si accompagna l'inespresso pensiero che una recrudescenza della pandemia potrebbe indurre Sergio Mattarella ad accettare quel secondo mandato che, per ora, il Capo dello Stato sembra indisponibile a voler ricoprire. Il convincimento di molti è che se Draghi salisse sul Colle più alto il voto si avvicinerebbe ma si fa sempre più strada il timore che anche questo Governo e la relativa maggioranza difficilmente potrebbe reggere l'urto dell'incapacità di scegliere insieme il nuovo Capo dello Stato.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA