Lega e Fdi attaccano Conte: sospende democrazia

22 apr 2020

Nessun voto, ma tante polemiche. Un confronto duro, serrato, quello andato in scena in Parlamento per l'informativa del Presidente del Consiglio Conte in vista del Consiglio Europeo e soprattutto il centrodestra: Lega e Fratelli d'Italia in testa, ad accendere gli animi, a scagliarsi contro il premier. Non esiste un MES senza Troika. I trattati non si modificano con una pacca sulla spalla all'amico Valdis, sussurrando paroline dolci all'orecchio dell'amica Angela, ma naturalmente chi deroga alla Costituzione per Dpcm penserà che si possa derogare trattati per regolamento. Un attacco alla democrazia secondo il Carroccio, con il Parlamento esautorato dal suo ruolo in nome dell'emergenza- Chiedeva il voto la Lega, un voto sulla linea da portare in Europa. C'è il no anche agli euro bond, per Matteo Salvini si tratta di debito con l'Europa, meglio quindi aprirlo con l'Italia stessa. Buoni del Tesoro offerti a imprenditori e cittadini italiani. Duro il giudizio anche di Fratelli d'Italia. Va a dire questo. Vada a dire che l'Europa non aspetti solidarietà dall'Italia quando le cose andranno meglio, se non sa dare oggi solidarietà all'Italia, mentre siamo nella tempesta. Mancato coinvolgimento è ciò che contesta solo Forza Italia. "Ma", spiegano gli azzurri, "siamo pronti a fare la nostra parte di fronte agli interessi degli italiani". Se il MES non sarà più il MES, ovvero sarà senza condizioni, noi siamo disponibili ad andare a vedere le carte, perché forse a questo Paese anche i 36 miliardi del MES, se sono senza condizioni, possono servire. Nella maggioranza i partiti ribadiscono le proprie posizioni. Il Pd invita alla prudenza e chiede di valutare il MES senza pregiudizi. Io credo che questo sia un altro dei successi che l'azione del Governo ha ottenuto. Il MES senza condizionalità si può fare, senza condizionalità. Nessuno di noi vuole il MES greco. Il presidente del Consiglio oggi l'ha detto in maniera chiarissima: non vuole avere linee di credito con condizionalità. Il movimento 5 stelle invece resta scettico sul fondo salva-Stati. Il Mes che abbiamo conosciuto sino ad ora è inadeguato come strumento ad affrontare una crisi come questa. L'Italia con il Movimento 5 Stelle al Governo non accetterà mai, mai, mai qualsiasi strumento che proveda condizionalità stringenti, manovre lacrime e sangue. Italia Viva, infine, chiede di lasciare da parte ogni ambiguità e difende la linea fin qui adottata dall'Unione Europea.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast