Mattarella riceve lampada della pace ad Assisi

14 dic 2019

Costruire insieme il futuro è il tessuto della pace e per raggiungerla il dialogo è la strada da percorrere. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accoglie con queste parole la lampada della pace di San Francesco. Il riconoscimento, deciso dai frati del sacro convento di Assisi è stato assegnato nelle ultime edizioni alla cancelliera tedesca Angela Merkel e al re Abdallah II di Giordania. Mattarella richiama l'impegno italiano per la pace nel mondo, citando anche le nostre operazioni militari, ma poi rivolge il suo sguardo all'Italia. La costituzione richiama, esorta, sollecita alla pace interna al nostro Paese. Gli italiani non possono che essere particolarmente sensibili e attenti a questo tema, a questo altro fronte della pace, non potendo dimenticare la stagione drammatica e triste del terrorismo e ben conoscendo le conseguenze nefaste di lacerazioni profonde. Il custode del sacro convento, padre Mauro Gambetti, definisce il presidente un presidio dei principi costituzionali e lancia un messaggio sul cosiddetto uomo forte, a cui gli italiani guarderebbero non senza aver citato prima, come esempio virtuoso, Liliana Segre, a cui tutta la platea tributa un lungo applauso. Il parlamento è per antonomasia il luogo dell'ascolto, del confronto costruttivo, della ricerca del bene comune. Vorremmo che fosse nuovamente esempio di dialogo in particolare per i più giovani. Solo così il nostro popolo potrà ancora esercitare il proprio diritto di sovranità senza svenderlo all'uomo forte di turno. Al termine della cerimonia, il presidente della repubblica, prima di ripartire per Roma, ha firmato una bandiera della pace creata dagli immigrati ospitati della cooperativa Auxilium.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.