Opposizione in piazza contro il governo

08 set 2019

Tutto accadrà a Montecitorio. Tra poche ore, mentre in aula si voterà la prima fiducia al Governo Conte 2, in piazza le opposizioni si ritroveranno per protestare quasi unite contro il neonato esecutivo. Non ci sarà Forza Italia ma alla chiamata di Giorgia Meloni hanno risposto la Lega e Giovanni Toti, che il partito di Berlusconi lo ha appena lasciato. Il fondatore di Cambiamo ha annunciato su Facebook la sua adesione alla manifestazione. Ritengo che soprattutto quando il Palazzo si chiude in se stesso, scrive, i cittadini hanno diritto di farsi vedere e far sentire la propria voce pacificamente, serenamente, con ordine e compostezza. In piazza senza simboli di partito ma solo con bandiere tricolore. Questo l'invito di Fratelli d’Italia. Battibeccano a distanza Silvio Berlusconi e Matteo Salvini. Il primo rilancia un’opposizione dura, sì, ma dentro le aule parlamentari. Sembrano non capirsi più i due, nonostante una condivisione di contenuti sbandierata almeno fino a tempi recentissimi. Comunque in piazza Forza Italia non ci sarà, per rispetto delle istituzioni, affermano gli azzurri. Matteo Salvini, in giro per l'Italia in vista delle prossime elezioni regionali, torna a ribadire che la Lega si opporrà con tutti i mezzi se il Governo dovesse provare a smontare il lavoro fatto negli ultimi 14 mesi. Noi a Roma faremo opposizione se proveranno a tornare alla legge Fornero, ci metteremo di mezzo se proveranno a riaprire i porti, ci metteremo di mezzo se proveranno, anche perché io probabilmente subirò nei prossimi mesi diversi processi, ma quello che ho fatto lo rifarò. Dopo l'appuntamento in Piazza Montecitorio con Giorgia Meloni, Matteo Salvini chiama a raccolta il suo popolo il 15 settembre a Pontida e il 19 ottobre di nuovo a Roma. Sarà interessante vedere se quel giorno in piazza il centrodestra scenderà unito.

pubblicità