Partiti si preparano alla fiducia, M5S ribolle

16 feb 2021

A poche ore dal voto di fiducia i partiti che sorreggono l'esecutivo sembrano riposizionarsi anche nelle distanze che li contraddistinguono. Con movimenti da ambo le parti, nella maggioranza, dove Pd, Movimento 5 Stelle e Leu provano, forti dei numeri e del sostegno comune al Conte bis a riequilibrare l'attivismo della lega di governo. In questo senso si colloca la nascita di un intergruppo parlamentare, iniziativa subito approvata dal premier Conte. Giusto e opportuno promuovere iniziative che rilancino l'esperienza positiva di Governo che si è appena conclusa, dice. Per continuare quelle battaglie per continuare quel percorso che ci ha visti uniti insieme al Presidente con un percorso fatto di sfide che vogliamo continuare a portare avanti nell'interesse dei cittadini italiani. Movimento che però arriva quantomai travagliato al voto di fiducia. I parlamentari continuano a riunirsi, cercando di trovare una pacificazione interna sempre più complicata. Mentre online si esprimono per decidere come debba essere guidato in futuro, cresce il numero di coloro che chiedono che il voto con cui si è dato il via libera all'appoggio Draghi venga ripetuto alla luce della composizione dei Ministri scelti, nonché del fatto che il superministero per la transizione ecologica non corrisponde alle aspettative. E intanto cresce il numero di coloro che si sfilano per votare no. Posso parlare a nome mio, sarà sicuramente un no a questo Governo perché penso che ci sia bisogno di un'alternativa nel Paese all'operazione Draghi. A poche ore dal momento in cui l'eterogenea compagine governativa sarà seduta sui banchi per ascoltare Draghi nel suo discorso, Salvini mette in agenda una serie di incontri con Ministri e leader di partito, dopo quello con Zingaretti, in cui ha affrontato il nodo del lavoro. Tra i due qualche stoccata sull'euro irreversibile o meno poi Zingaretti, chiosa non è pensabile che i partiti politici si possano annullare, ma almeno dico mai più una guerriglia quotidiana.

pubblicità
pubblicità