Piazza Fontana, Fico: manca ancora esercizio di verità

11 dic 2019

Si trattò di un gravissimo attacco alla nostra democrazia, che, pur messa a durissima prova, seppe resistere, respingendo, senza rinunciare ai principi dello Stato di diritto, la violenza e il ricatto quale strumento di affermazione di visioni ideologiche e politiche. A questa dimostrazione di forza e dignità del Paese non corrispose purtroppo un pieno esercizio di verità. Depistaggi e complicità hanno per molti anni ostacolato il lavoro della Magistratura, delle Forze dell'ordine e delle Commissioni parlamentari d'inchiesta. Ma mezzo secolo non è stato sufficiente per fare pienamente chiarezza anche sul piano giudiziario, sui i colpevoli di quella strage. Ciò è inaccettabile per le vittime, per i loro familiari, per uno Stato democratico. La diffusa aspettativa di verità e giustizia non può, dunque, più essere ulteriormente disattesa.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.