Quirinale, la corsa al Colle deve ancora iniziare

03 nov 2021

Chiamale se vuoi emozioni o scosse di assestamento o il tentativo di moltiplicare gli obiettivi in un gioco di specchi che renda difficile colpire e affondare l'unico reale predestinato. Bisogna trovare un Virgilio per orientarsi nell'Inferno della corsa al Quirinale, in questo momento preferibilmente di centro-destra. Il nostro, premette, siamo all'inizio anzi non siamo ancora partiti. Tutto è scarsamente leggibile se l'intento è quello di capire chi sarà il prossimo inquilino del Colle. E' la gara più imprevedibile di tutte, sempre e oggi a maggior ragione, perché si intreccia con le sorti del Governo in carica e del suo presidente del consiglio perché parlare oggi di un candidato o di un altro significa spesso parlare delle sorti o dei progetti politici personali o di quelle del partito di appartenenza. Prendi Giorgetti, per esempio, ha parlato chiaro apparentemente, sia del candidato alla presidenza, per lui è Draghi addirittura preconizzando una sorta di semipresidenzialismo per non privare completamente il paese della sua capacità di governo, sia della Lega, a metà di un passaggio, europeismo o no, sovranisti o popolari che è rimasto incompiuto per responsabilità di Salvini, suo segretario. Giorgetti vuole fare il segretario della Lega? Pensiero ingenuo secondo la nostra guida. Il centro-destra è saldo, le tentazioni di un terzo polo sembrano rientrate e saldamente in mano a Berlusconi, Meloni e Salvini e continuerà ad esserlo. Più probabile che Giorgetti, che parla raramente e mai a caso, voglia fare o magari anche solo scegliere il secondo semi presidente, un leghista di governo, magari un governatore, già ma quando? Prima o dopo le elezioni? E quando ci saranno le elezioni? Altro mistero. Una volontà precipitosa sbaglia, ammonisce la guida, è presto e però domani c'è il consiglio federale della Lega, convocato in tutta fretta dal suo segretario. Salvini parlerà, sceglierà tono e conseguenze. Interessante contraddizione, il Carroccio è spaccato ma non si divide, non può, non vuole, solo emozioni, scosse di assestamento, è presto.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast