Regionali, Salvini: accordo nel centrodestra c'è

20 set 2019

Matteo Salvini viene accolto dal popolo di Fratelli d'Italia come il sovranista, tornato finalmente a casa dopo la sbandata gialloverde. E' Giorgia Meloni a fare gli onori di casa alla festa di Atreju e l'obiettivo, con questo invito, è rinsaldare l'alleanza. “Io penso ci si debba vedere per parlare insieme di come affrontare la sfida delle elezioni regionali. Ci saranno diverse regioni che vanno al voto nei prossimi mesi e, intanto, si tratta di dare a queste regioni un Governo serio, credibile e affidabile, ma si tratta anche di consentire, attraverso il voto in queste regioni, di dare una spallata a un Governo di abusivi!” Il leader della Lega non ha dubbi sulla scelta di mandare a casa quello che ha sempre bollato come il “Governo del no”. “Abbiamo semplicemente provato a far votare gli italiani - dice - ma il responsabile del voto mancato abita al Quirinale!” “E lo dico molto sobriamente, senza voler polemizzare con nessuno, chi ha condotto queste operazioni sono convinto avrebbe fatto meglio a sciogliere le Camere e a dare la parola al popolo italiano!” Sul fatto che il Movimento 5 Stelle e Pd stessero facendo accordi sottobanco da tempo Salvini, ironizza: “Ho smesso di credere a Babbo Natale dalla terza elementare!” Per il capo del Carroccio questa maggioranza non arriverà a fine legislatura perché litiga su tutto e l'auspicio è che il popolo italiano si faccia sentire pacificamente. Poi Salvini assesta una stoccata agli ex alleati a 5 Stelle: “Quando hanno votato la von Der Layen ho pensato: questi si sono venduti! La prima bocciatura del Governo giallorosso arriverà dall'Umbria. Il centrodestra vincerà e sarà il primo schiaffo democratico a questo Governo di poltronari!” Su Berlusconi, che si definisce moderato e atlantista, Salvini ammette la diversità, ma ai toni dice di preferire la sostanza.

pubblicità