Salvini: per stupratori serve la castrazione chimica

29 apr 2019

Impantanata a Montecitorio la proposta di legge sulla castrazione chimica, rispunta sull'onda della violenza sessuale di Viterbo, ma non riesce a mettere d'accordo gli azionisti del Governo. Non arriva, infatti, il via libera del Movimento 5 Stelle, che già aveva stoppato l’approvazione della misura presentata nel Ddl Codice Rosso e che da tempo è la soluzione terapeutica sostenuta dalla Lega. Chi mette le mani addosso ad una donna o a un bambino non solo deve stare in galera per decenni, ma deve anche essere curato. Quindi chiamatela castrazione chimica, chiamatela blocco androgenico, è una sperimentazione che è già in vigore in tanti altri Paesi evoluti democratici e occidentali. Per Luigi Di Maio la via maestra non è quella indicata dal Carroccio che, avverte, rischia di diventare un salvacondotto per gli stupratori. La soluzione è la galera. Aumenteremo le pene come abbiamo già scritto nella legge sul Codice Rosso, che è passata alla Camera e adesso deve essere approvata dal Senato, e queste pene ci consentiranno di veder marcire in galera chi mette le mani addosso ad una donna o addosso a un bambino. Anche per la Ministra della Salute, Giulia Grillo, la castrazione chimica non è la risposta giusta, ma è la galera per una violenza efferata e gratuita su una donna. Predica tolleranza zero per gli stupratori Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia, no a sconti di pena automatici per predatori sessuali e castrazione chimica per pedofili e stupratori recidivi. Il Partito Democratico punta il dito contro il Ministro dell'Interno, il Ministro Salvini evita di chiamare per nome i colpevoli e insiste nel non capire che la violenza contro le donne ha una matrice culturale nel sessismo e nel razzismo. Nicola Zingaretti annuncia poi che la Regione Lazio si costituirà Parte Civile. Per Anna Maria Bernini di Forza Italia, invocare la castrazione chimica è solo un espediente per non affrontare il problema. Il Governo dia piuttosto alle forze dell’ordine i mezzi necessari per applicare alla lettera il Codice Rosso.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.