Scontro su stato di emergenza, ipotesi proroga fino a 31/10

13 lug 2020

Con lo sguardo rivolto alla lotta al coronavirus e all'indice dei contagi nel Paese il dibattito e il confronto politico sull'ipotesi della proroga sullo stato di emergenza continua. Serve ancora attenzione da parte di tutti è il messaggio che filtra dal Governo, con il premier Conte che nelle ultime ore ha precisato è stata una prova molto difficile. Adesso possiamo dire che siamo meglio attrezzati. Ma calendario alla mano si guarda già a martedì, quando il Ministro della Salute, Roberto Speranza, illustrerà in Parlamento i contenuti del nuovo Dpcm che rivedranno le misure anti contagio in scadenza il 14 di questo mese e che, secondo indiscrezioni, potrebbero aumentare i controlli in spiagge e nei luoghi pubblici dove si possono verificare assembramenti come discoteche e feste. Poi, come anticipato dal premier Conte, con il Governo che guarda alla proroga dello stato di emergenza in generale, in scadenza a fine mese, le comunicazioni del ministro potrebbero essere occasione per aprire un dibattito politico più ampio, visto che per la proroga vera e propria sarà necessaria una delibera del Consiglio dei Ministri che verrà adottata a seguire. Solo a quel punto Conte riferirà in Parlamento. Intanto ecco le ultime ipotesi al vaglio del Governo. Si pensa a prorogare lo stato di emergenza al 31 ottobre anziché a fine anno. Nessuna decisione è stata ancora presa, sottolineano diverse fonti, ma è possibile che si decida di procedere in modo graduale. Insomma, un percorso a tappe in uno scenario difficile, con l'opposizione che attacca, prima Matteo Salvini, poi Giorgia Meloni e infine Silvio Berlusconi, che ammonisce il premier e dice rispetti la Costituzione.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.