Slitta assestamento bilancio ma Tria fiducioso su intesa Ue

26 giu 2019

L'Europa preme e il tempo stringe, ma l'assestamento di bilancio per ora slitta. Slitta a lunedì almeno, qualche giorno in più per capire se e come trovare quelle risorse aggiuntive ai circa 5 miliardi finora accantonati, ma ancora insufficienti, secondo Bruxelles, per evitare con certezza la procedura d'infrazione per violazione della regola del debito. La questione arriverà fino in Giappone, laddove l'Italia porterà in via informale, la sua proposta anti procedura a un incontro che si terrà venerdì a Osaka, tra i Ministri finanziari europei durante i lavori del G20. Il Ministro dell'Economia Tria, che si è sempre detto fiducioso in una soluzione positiva, incontrerà anche il Commissario agli affari economici, Moscovici, in vista della riunione della Commissione del prossimo 2 Luglio. Un’intesa sarebbe a portata di mano, ed è proprio questo, si fa sapere, uno dei motivi del rinvio del provvedimento al Consiglio dei Ministri, che dovrebbe tenersi all'inizio della prossima settimana. Intanto arriva l'allarme, più di uno in realtà, della Corte dei Conti: secondo i magistrati contabili, infatti, il taglio delle tasse resta una priorità, ma senza coperture immediate il rischio è che quei benefici possano essere vanificati. L'aumento del debito ai limiti della sostenibilità, cioè, andrebbe ad annullarne gli effetti come dire, un abbattimento della pressione fiscale è giusta, ma sono in deficit. Alcuni economisti propongono addirittura misure radicali chiamate, a fini mediatici, come choc fiscale. Tuttavia resta il problema delle coperture sul breve termine in mancanza delle quali, il corrispondente aumento del debito potrebbe avere ripercussioni gravi. Tutto mentre sul fronte interno si consuma l'ennesimo scontro Lega - 5 Stelle su autostrade, sull'alta velocità, sull'autonomia con Di Maio che, pur assicurando che quest'ultima si farà, dice di sentirsi preoccupato dagli estremismi e il governatore lombardo Fontana, che di tutta risposta spiega che non firmerà quella che definisce una non riforma.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.