Venerdì si decide su 4 regioni, Conte: segnale su Napoli

11 nov 2020

Il governo proverà fino alla fine, a scongiurare un nuovo lock-down generalizzato, ma al contempo prepara il salto di fascia per altre 4 regioni. Venerdì, infatti, arriveranno i dati del monitoraggio che decideranno il colore della fascia per Emilia Romagna, Veneto, Friuli e Campania. Quest'ultima è diventata un tema politico con i 5 stelle che hanno messo sul tavolo l'urgenza di un intervento e di un passaggio immediato in fascia rossa. Siamo lo stato daremo un segnale, ha assicurato Giuseppe Conte. Il Presidente del Consiglio per 6 ore a Palazzo Chigi ha discusso con i capi delegazione della maggioranza e altri Ministri di questo novembre decisivo. I dati dell'istituto superiore della sanità raccontano di una curva di contagi che lascia un piccolo margine di speranza. Una linea che sembra aver raggiunto il platò, il punto in cui ancora non scende, ma smette di salire. È la linea che divide il Paese da un lock down generalizzato. Una ipotesi, questa, che a Sky Tg24 il viceministro della salute Sileri si sente di poter escludere. Lo escludo, cioè salvo che i dati che diciamo di domani e dopodomani, non mostrino tutte le regioni in maniera omogenea con una rincorsa al virus non fattibile e dei posti letto, non più presenti, francamente molto, molto improbabile. Dall'opposizione, Giorgia Meloni, incalza l'esecutivo, anche lei spera che non si torni alle immagini di marzo, ma rileva sempre Sky Tg24, come il Governo non stia facendo nulla per evitare un nuovo lockdown. Penso che se si dovesse arrivare a un nuovo lockdown ci sarebbero delle responsabilità che prima o poi andranno identificate perché sono assolutamente convinta che un secondo lockdown si potrebbe evitare, nel caso in cui, ovviamente, ci si arrivasse, voglio dire che temo che, come ho detto finora che le iniziative messe in campo finora diciamo non scongiurino l'ipotesi di un altro lock down perché sono, diciamo, l'impressione che ho io, ma non solamente io è che si proceda a tentoni. Intanto il governo accelera sul fronte vaccini, annuncia a breve il piano nazionale in Parlamento e convoca il commissario all'emergenza COVID, Domenico Arcuri per incaricarlo del sistema operativo di distribuzione, una volta che il vaccino sarà arrivato.

pubblicità