Blue, show improvvisato: il pubblico sceglie titolo e storia

08 feb 2020

Uno spettacolo da costruire lì per lì musiche comprese, a metà strada tra teatro e musical, dopo aver chiesto al pubblico in sala, di scegliere la storia dove ambientarla se al giorno d'oggi, nel Rinascimento, o magari nell'antica Roma, e con sul palco anche guest star più o meno a loro agio in questa formula rivoluzionaria. Novità assoluta per l'Italia. Lo show si chiama "Blue", dal modo di dire anglosassone "out of the blu". Inaspettato. L'iniziativa è di Francesco Lancia, storico autore del trio Medusa, e leader dei Bugiardini, una delle più apprezzate compagnie italiane di improvvisazione. "Abbiamo provato a unire la nostra arte e quella di cui si occupano i Bugiardini, che è l'improvvisazione teatrale, cioè il teatro senza copione, con quella del musical che è una delle discipline più rischiose perché prevede un canto, ballo e recitazione, tutto insieme. Noi ci siamo chiesti, è possibile farlo senza copione e prendendo il titolo del musical dal pubblico?" Teatro del debutto, il Puccini di Firenze. La guest star è stato Pupo. "È proprio vero, è così, non è mai uguale, ogni volta è diverso". Ora è atteso, fuori luogo parlare di repliche, vista la formula, il 17 al teatro nazionale di Milano, il 18 al teatro Odeon di Bologna, e ad aprile sarà all'Auditorium Santa Chiara di Trento, al teatro Nuovo di Verona, infine, all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

pubblicità