I film candidati ai Golden Globe, fuori Bellocchio

09 dic 2019

È andata un po' come ci si aspettava, e nelle candidature ai Golden Globe spiccano tre film: “The Irishman”, “Marriage Story” e “Joker”. I premi, che vengono assegnati dalla stampa estera che vive e lavora a Hollywood, che differenziano i film in dramma, musical o commedia, e che abbracciano anche le serie TV, sono da sempre considerati veri termometri di ciò che piace o non piace a Los Angeles, e quindi di quello che realisticamente rivedremo agli Oscar, seppur abbiano gusti più spiccatamente europei. E così accade che il film di Noah Baumbach, presentato a Venezia, come “Joker”, sia in corsa in sei categorie, tra cui miglior dramma e attori protagonisti. Una pellicola, a discapito del titolo, su un divorzio più che su un matrimonio. Lo tallona con cinque nomination Martin Scorsese, con il suo film da 3 ore e 30 minuti, “The Irishman”, che, a sorpresa, non vede candidato Robert De Niro, ma Joe Pesci e Al Pacino come attori non protagonisti. Ci sarà giustamente Joaquin Phoenix, voce, corpo, risata e anima di “Joker”. E ci saranno, tra le donne, Saoirse Ronan per “Little Women”, da noi in uscita a fine gennaio, e Renée Zellweger, anche qui voce e anima tormentata di Judy Garland in “Judy”, passato alla Festa del Cinema di Roma. Tarantino, con il suo psichedelico “C'era una volta... a Hollywood”, concorre, tra le altre cose, come regia, sceneggiatura e attori in un musical. Non ce la fa “Il traditore” di Marco Bellocchio, che non entra nella cinquina, in cui si leggono i nomi invece di Pedro Almodovar con “Dolor y gloria” e Bong Joon-ho, già Palma d'oro a Cannes, per il suo incredibile “Parasite”, lotta di classe a cavallo tra il noir, il grottesco e la commedia nella Corea del Sud di oggi. Tra le migliori serie e miniserie TV “The Crown” e tra quelle in onda sui canali Sky l'incredibile “Chernobyl”, sul disastro nucleare del 1986, “The loudest voice”, il “Trono di Spade”, in corsa con Kit Harington, senza dimenticare naturalmente “Catch-22”, di George Clooney, per cui gareggia come miglior attore Christopher Abbott. La cerimonia assegnerà i premi nella notte tra il 5 e il 6 gennaio prossimo.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.