Matteo Garrone fa rivivere Pinocchio al cinema

12 dic 2019

“Pinocchioo!” È stato fedele al romanzo di fine 800 di Carlo Collodi, naturalmente, però, alle avventure di Pinocchio Matteo Garrone ha regalato le sue uniche atmosfere. Si è circondato di un cast incredibile, partendo da Roberto Benigni, che regala allo spettatore un'emozionante Geppetto, fino ad arrivare a Gigi Proietti, che è un mangiafuoco dal cuore d’oro. “Vieni qui! Vieni qui! E tu chi sei? Io sono Pinocchio”. È una storia che in qualche modo io avevo incominciato a disegnare a sei anni, quindi è una storia che mi accompagna da tutta la vita. Ho un figlio di 11 anni che è un piccolo Pinocchio, quindi diciamo che ho avuto un’ispirazione quotidiana. C’è una componente, diciamo, ancora infantile ed anche in me pinocchiesca. Il cuore pulsante, quello caldo di Pinocchio, è proprio la storia d'amore tra un padre e un figlio. E allora ho cercato di essere più padre possibile, di fare proprio il padre che per il figlio dà la vita, attraversa il mondo. Quando dice “È andato nelle Americhe” nel senso che è andato all’infinito, nell'universo. Tutta la sua vita è ritrovare quella sua creatura. Nella mia famiglia talmente poveri, quella povertà che lui ha messo in scena, rimanendo fedele, forse tra i Pinocchio più poveri che abbia mai visto, è bellissima, e quindi anche i più ricchi di immaginazione. Quindi quand'ero piccolo, mia madre non sapeva leggere e non me lo poteva leggere Pinocchio, però me lo faceva vivere. Ero Pinocchio. “Lo seminiamo. Nasce una piantina”. Una favola per ricordare valori sempre attuali. “Sono stato derubato! Mettetelo in prigione!” Come ogni favola che si rispetti, è una grande metafora, la metafora della vita, dei cambiamenti dei possibili miracoli che avvengono a volte. Non ti devi fare ingannare troppe volte. Poi il bello è che sei ingenuo è ancora peggio, perché non sai cosa veramente fare. “Voglio diventare un bambino come tutti gli altri”.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.