Scala, una nuove torre di 17 piani per ampliare il teatro

30 apr 2021

Una sala prove di incisione per l'orchestra con un soffitto alto 14 metri, un palcoscenico con una profondità record, una torre di 17 piani in tutto di cui sei sotto terra. É il progetto che andrà a costruire la Scala del futuro, firmato dall'architetto Mario Botta, che aveva già curato il restyling del Teatro tra 2002-2004 insieme al collega Emilio Pizzi. "In questa piccola palazzina, su 600 m in realtà noi costruiamo 4000 mq, quindi andando in altezza e ci sono quattro elementi fondamentali anche per la struttura della Scala, uno è la sala prova dove ci troviamo, poi vi sarà un'altra sala prova per il balletto, in alto sulla torre scenica, poi vi è un corpo intermedio all'altezza del palcoscenico, il retroscena avrà una profondità totale, fino al boccascena, di 64 m e il quarto elemento è invece tutti gli elementi e le strutture complementari, uffici, laboratori, depositi." Una passerella all'ultimo piano collegherà il nuovo edificio alla parte storica del Teatro. La prima pietra è stata posata, l'obiettivo è finire per Natale 2022, tutto questo mentre si attende il 10 maggio, il giorno in cui il Piermarini potrà finalmente riaprire al pubblico, 500 le persone che potranno assistere al concerto diretto da Riccardo Chailly. "La Scala non sta solo subendo la pandemia, tutti noi un po' la subiamo, ma ha, in questo momento, una profonda volontà di andare avanti.".

pubblicità
pubblicità