Spunta testimonianza Brando: Jacko era pedofilo

30 ago 2019

La testimonianze inedita è di quelle pesanti e confermerebbe la pedofilia di Michael Jackson. A parlare è Marlon Brando, in un documento che verrà reso noto domenica sul sito Luminary, nell'episodio finale di "Telephone Stories", "The Trials of Michael Jackson", un podcast realizzato da Brandon Ogbor. "Una patata bollente", come l'ha definita lo stesso autore del programma. Frasi che raccontano i dettagli di una conversazione intima che l'attore ebbe nel 1994 con l'ex re del pop, morto a Los Angeles per overdose da Propofol il 25 Giugno del 2009. Parole verificate con uno dei Procuratori che indagarono sulla vicenda della presunta pedofilia della pop star e che, ha ammesso Ogbor in un'intervista rilasciata al Times di Londra, "Se Brando fosse vivo, vorrebbe molto probabilmente cancellare". A quanto dice nel suo racconto, i due si trovavano a cena nel famoso Neverland Ranch, di proprietà di Jacko, dove lui viveva e dove si circondava di giovanissimi. Quella sera l'attore e il cantante, cominciarono a chiacchierare. Brando faceva molte domande, chiedeva a Michael del sesso, delle sue amicizie e di suo padre. Tutti argomenti che scuotevano Michael Jackson, tanto da farlo piangere. Fu al termine di quella chiacchierata che Marlon Brando, sino ad allora convinto che Jackson fosse gay, comprese che era ormai ragionevole concludere che Michael poteva avere avuto qualcosa a che fare con i tanti ragazzini che si vedevano a Neverland.

pubblicità