Usa, dopo 146 anni chiude il Circo Barnum

15 gen 2017

Ha fatto sognare grandi e piccini. Con i suoi animali esotici, bestie feroci, elefanti, tigri, leoni, ha allietato il pubblico di tutte le età: acrobati pronti a sfidare la morte, clown pasticcioni hanno emozionato. Sogno e incubo, attrazione e repulsione si sono incontrati, mescolati all’umanità sorprendente dei gemelli siamesi, di nani, giganti, donne barbute. Dopo quasi un secolo e mezzo di vita, l’annuncio: il Circo Barnum cala il sipario. Un intrattenimento amatissimo, negli Stati Uniti, a partire dalla metà del 1800, una vera istituzione. “È stata una decisione difficile, ma questo non è più il nostro tempo”, ha fatto sapere Kenneth Feld, l’amministratore delegato dell’azienda che negli ultimi cinquant’anni ha gestito il circo. Nato come spettacolo itinerante, con tanti animali e stranezze di ogni tipo, come ad esempio l’esibizione di una schiava dall’età di 161 anni, si unì al suo rivale James Anthony Bailey,creando un’enorme struttura. Con l’arrivo di cinema, tv e videogiochi, l’interesse verso il Circo Barnum è andato pian piano scemando. Le ragioni della chiusura sono tante: il crollo della vendita dei biglietti, gli alti costi di gestione e, non ultime, le battaglie con i gruppi per i diritti degli animali. Il colpo più duro è arrivato proprio dagli animalisti, che hanno criticato il circo per lo storico utilizzo degli elefanti, denunciandone i maltrattamenti. Nel 2011, la società che lo gestisce ha accettato di pagare una multa di oltre 250.000 euro per presunte violazioni dalla Animal Welfare Act. L’ultimo spettacolo sarà a maggio. Fino a quella data sono previsti ancora trenta show, in programma ad Atlanta, Washington, Philadelphia, Boston e Brooklyn. Poi, le luci del Circo Barnum si spegneranno per sempre, portando via con sé la nostalgia di chi lo ha amato e di chi con le sue luci e i suoi colori e acrobazie ha sognato un mondo fatato.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.