Venosi e Colonna: doveroso trasmettere romanità

26 feb 2020

Se dovessi associare un modo di dire romano alla carbonara dello Cheff sicuramente “me cojoni” è l'unico che mi viene da dire, perché è straordinaria che è il nostro romano per dire “wow” è un modo di… non è una parolaccia per noi, è veramente uno stupore genuino. In positivo. Io penso che questi due detti, che poi sono quello che rappresentano un po’ la romanità, l’estratto della romanità, sono proprio quello che tutti vorrebbero imparare e capire qual è il contesto. Quindi con “ li mosta’” e con “Me cojoni” penso di raffigurare, pensiamo, Carolina ha pensato di raffigurare un po’ tutta quella che è la tradizione romanesca. E poi ce ne sono tanti altri che però stasera, consiglieremo di utilizzarli anche in economia, in giurisprudenza, in diritto internazionale e tante altre cose. Li applichiamo a tutti i campi, perché poi fondamentalmente il romanesco da della brevitas la sua forza, no? Noi nell’essere così concisi, fondamentalmente riusciamo ad esprimere concetti che normalmente si dovrebbero dire con una sorta di giro di parole semplicemente dando un termine, quindi poi questa è la bellezza dell’uso del dialetto. E per quanto possa sembrare volgare all'occhio esterno nella verità non lo è. Ma de che’! Oh!.

pubblicità