Plusvalenze, Juve sotto inchiesta

27 nov 2021

Le plusvalenze della Juventus degli ultimi tre anni sono diventati oggetto di indagine per la procura di Torino, che nelle scorse ore ha acquisito i documenti nella sede del club aprendo indagine. Gli indagati sono 6 dirigenti o ex dirigenti della Juventus fra cui il presidente, Andrea Agnelli, il vice ,Pavel Nedved e l'ex DS Fabio Paratici. I reati ipotizzati sono falsi in bilancio e false fatturazioni. Questa inchiesta fa seguito a degli accertamenti che erano stati già avviati nelle scorse settimane, sia dalla Consob che dalla Covisoc che dalla Procura Federale, e riguardano appunto la valutazione che si è fatta, in questi tre anni, su alcune transazioni di alcuni giocatori. Le operazioni su cui aveva posto l'accento la Covisoc erano 62, di cui 42 vedevano coinvolta proprio la Juventus e fra le plusvalenze sotto esame non c'è soltanto lo scambio fra Arthur e Pjanic o Cancelo e Danilo, ma anche lo scambio di giovani ancora ai margini della prima squadra o al momento in prestito nelle serie minori; come per esempio quello fra Tongya e Ake fra Juventus e Marsiglia, due giocatori valutati 8000000 euro che ora giocano in C italiana e in quarta serie francese nelle seconde squadre dei club, con questo tipo di plusvalenze secondo la Covisoc la Juventus, avrebbe avuto benefici a bilancio per circa 40 milioni di euro.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA