Tennis, Djokovic ammette errori e rischia 5 anni di carcere

13 gen 2022

Nel pieno di una contesa giudiziaria, politica e diplomatica sulla sua partecipazione da non vaccinato agli Australian Open, Novak Djokovic attende il pronunciamento del Governo di Canberra. Ammette di aver commesso degli errori e ora rischia grosso: fino a cinque anni di carcere, pena massima per chi fornisce prove false. Già, perché secondo i media australiani, le autorità del Paese stanno analizzando proprio le discrepanze nelle informazioni fornite dal tennista serbo, che in un lungo post su Instagram ha ammesso appunto, di aver fatto attraverso il suo staff, un'errata dichiarazione per l'ingresso in Australia e di aver violato l'isolamento Covid in Serbia. Da un lato infatti, quella dichiarazione di viaggio rilasciata alle autorità al suo arrivo e contenente informazioni non corrette, aveva sostenuto di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti, mentre in realtà si era recato in Spagna dalla Serbia. Dall'altro, le scuse per aver infranto le regole di isolamento proprio nel suo Paese due giorni dopo essere risultato positivo, tutto per incontrare un giornalista per un'intervista. Insomma, situazione che sembra evolversi non per il meglio. Il numero uno del mondo che dopo una prima vittoria in tribunale attende ancora la decisione definitiva del Governo di Canberra sul visto per restare nel Paese e partecipare all'Australian Open, ha parlato di un errore umano e certamente non volontario di un membro del suo staff, precisando che nuove informazioni sono state fornite alle autorità australiane, per chiarire la vicenda. Documenti ora al vaglio del Ministro dell'Immigrazione Hawke, che di fatto ha preso altro tempo. Di certo, all'inizio del torneo che Djokovic ha già vinto ben nove volte e per il quale è stato ufficializzato come prima testa di serie, mancano pochi giorni. L'obiettivo di Nole resta quello di diventare il primo nella storia a vincere 21 tornei dello Slam.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA