Def, Renzi punta su opere pubbliche per spingere la ripresa

Non è solo un messaggio all’Europa, ma anche una linea che dovrà ispirare tutte le azioni di politica economica del Governo. L’austerità non solo deve restare un ricordo, ma deve essere anche sostituita da un Piano di investimenti pubblici e di infrastrutture che vede l’Italia in ritardo e addormentata da decenni. Un cambio di rotta che il Premier Renzi vuole vedere già dalla prossima legge di bilancio. L’Esecutivo è convinto che puntando sulle opere pubbliche si possa dare quella spinta ad occupazione e ripresa che ancora si rivelano al di sotto delle aspettative. La nota di aggiornamento del DEF lo ha evidenziato con chiarezza. La crescita non andrà oltre l’1 per cento e le risorse di una flessibilità che si vuole spingere fino al 2,4 per cento dovranno in parte alimentare un nuovo impegno pubblico. “È stato un errore non la nostra scelta, è stato un errore il fatto di aver investito sull’austerity. Vi do un numero perché sia chiaro: nel biennio peggiore, 2012-2013, i denari sugli investimenti pubblici in Italia sono stati sostanzialmente dimezzati, da 40 miliardi a 20 miliardi l’anno. È evidente che poi, a fronte di una dimensione di oltre 1,3 per cento di PIL sugli investimenti, vi sia un corrispondente calo nella crescita economica del Paese”. Intanto in Senato resta in sospeso l’inghippo sulla riforma della giustizia. I capitoli sulla prescrizione e le intercettazioni dividono la stessa maggioranza, con il Governo che rischia di andare sotto. Le proteste dei magistrati hanno indotto Palazzo Chigi a prendere tempo, facendo votare un rinvio della discussione. Il testo attuale è frutto di un duro compromesso, ma nonostante tutto non piace. Cambiarlo significa ripartire da zero. Andare avanti vuol dire rischiare di cadere sotto il fuoco amico, motivo per cui, nonostante lo stand-by del momento, il voto di fiducia sembra essere l’unica possibile via d’uscita.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky