A Milano inizia il Capodanno cinese con lo spettro del virus

25 gen 2020

Capodanno cinese si apre l'anno del topo e la comunità di Milano si prepara alla sfilata della prossima settimana. Nel quartiere, però, l'aria di festa ancora non si respira condizionata in parte dalla paura del virus. Questo signore che da anni abita nella zona, ci racconta che solo un anno fa a quest'ora le strade sarebbero state piene. E' cambiato tutto negli ultimi sette-otto giorni da quando tutta l'informazione parla di questa malattia, ma altrimenti il sabato c'erano le code qui dove fanno i ravioli sempre pieno. I ristoranti li con quattro vetrine in fondo sempre pieno. Passo e non c'è più niente, tutto deserto. Il quartiere a Milano è pieno di lanterne rosse, simbolo di felicità e ricchezze. I negozi servono cibo, ma in tanti, come è nella cultura cinese, indossano mascherine per proteggersi è tutelare gli altri. Nessuno ha voglia di parlare, nessuno risponde alle domande. La preoccupazione c'è ma è più degli italiani. Non si sa mai cosa possa succedere. Alcuni mi dicono che non è vero che esagerano. Alcuni dicono che è così quindi.. Ansia e confusione, questa signora è un po' frastornata non crede all'emergenza, ma ne ha paura. Intanto i primi segni del Capodanno arrivano in città. E' l'anno del topo e si vede. Il primo segno dello zodiaco cinese rappresenta la prosperità materiale denaro e ricchezza. Tra una settimana, Dragoni di carta e luminarie coloreranno le strade con la speranza che anche dalla Cina arrivino notizie meno preoccupanti.

pubblicità