A Palermo il primo "coronavirus hospital" della Sicilia

13 mar 2020

Il primo Covid Hospital della Sicilia sarà a Partinico. Lo ha deciso l'azienda sanitaria provinciale che ha individuato, nell'ospedale civico del Paese in provincia di Palermo, la struttura adatta per fronteggiare un'eventuale emergenza ricoveri. Quello che vedete alle mie spalle è l'Ospedale civico di Partinico, ed è la struttura che è stata individuata dall'Asp 6 di Palermo come uno dei centri per la cura del coronavirus. I primi due piani della struttura saranno sgomberati e adibiti alla cura degli eventuali pazienti affetti da coronavirus. All'interno verranno realizzati, entro le prossime ore, due reparti di terapia intensiva di cui una a pressione negativa. Saranno così 24 i posti letto di terapia intensiva e quattro quelli di terapia subintensiva. Tutti i pazienti ricoverati in altri reparti entro oggi saranno trasferiti o dimessi se non più necessario il ricovero. L'ospedale di Partinico serve un Comprensorio di oltre 200.000 abitanti e la decisione di realizzare qui un centro specializzato contro il coronavirus non è stata digerita da tutti. Qua non si contesta il fatto che si cerchi di fare un centro per combattere il coronavirus, quello che non si riesce a capire è che si smantella una struttura che è al servizio di un Comprensorio di 200-250.000 abitanti. È una cosa che è veramente incomprensibile. Quando abbiamo delle strutture, per esempio, l'ospedale militare di Palermo, è una struttura immensa, oltretutto organizzava, con capannoni, cioè c'è tutto là dentro, anche le sale di radiologia sono organizzate, cioè c’è tutto. E invece cosa si fa? Si smantella l'ospedale di Partinico. L'altro centro individuato a Palermo è l'ospedale Vincenzo Cervello, dove le terapie intensive e subintensiva verranno rafforzate.

pubblicità
pubblicità