Calabria zona rossa, Giuffrida: decisione inspiegabile

05 nov 2020

Certamente non è spiegabile su base dati epidemiologici, perché noi sappiamo che la Calabria sin dall'inizio è stata una delle regioni meno colpite in assoluto e lo è ancora. Il numero dei positivi rispetto alla popolazione è probabilmente il più basso d'Italia, il numero dei casi tracciati è estremamente alto, per ogni positivo noi riusciamo a fare circa 50 tamponi ai contatti stretti. La percentuale di positivi nelle ultimi 24 ore, casi positivi sui tamponi, è del 9%, quindi molto più bassa rispetto alle altre regioni italiane, è in assoluto dall'inizio dell'epidemia soltanto il 2%, pur avendo fatto un numero elevatissimo di tamponi. Quindi non ha una logica, perché si spiega per quello che abbiamo saputo esclusivamente per la carenza di strutture sanitarie di posti letto nelle terapie intensive e nei posti letto per malati covid nei reparti di malattie infettive.

pubblicità