Coronavirus, Beppe Sala: "Milano è chiamata a resistere"

21 mar 2020

Oggi noi siamo chiamati a fare questo: a resistere. Resistere perché Milano non è ancora stata toccata dalla diffusione del virus come altre città lombarde e non lo può essere. Non lo può essere per la nostra salute, per i nostri cari, ma anche perché immaginate il crollo di una città da un milione e quattrocentomila abitanti cosa produrrebbe sul sistema sanitario, sarebbe un disastro.

pubblicità