Roma, due investite: aperta inchiesta per omicidio stradale

22 dic 2019

Arrivano gli amici, i compagni di classe, portano fiori, si fermano un attimo. Le lacrime trattenute a fatica, ancora non riescono a credere a quanto accaduto. È successo tutto da poco, tutto così in fretta. È stato veramente pesante tutto ciò. È difficile ancora pensarci, ma ora volevo portare un mazzo di fiori tutti quanti insieme e lasciare una lettera. Ancora tutta da chiarire la dinamica dell'incidente avvenuto ieri sera a Roma. Due ragazzine, appena 16 anni, sono state travolte da un'auto a corso Francia. È una strada nella zona nord di Roma, lo vedete molto larga a tre corsie, è una strada dritta a scorrimento veloce anche trafficata. Secondo la ricostruzione, poco dopo la mezzanotte, le due ragazzine stavano rientrando a casa da ponte Milvio dove ci sono baretti e locali. In quel momento sulla capitale era in corso un forte temporale. E potrebbe essere stata proprio la scarsa visibilità all'origine della tragedia, insieme ad altre cause, magari una velocità non adeguata alle condizioni meteo e probabilmente un attraversamento azzardato. Ma saranno i testimoni a dare informazioni utili a chiarire cosa sia accaduto e perché. Informazioni che dovranno anche dire se sia stato rispettato lo stop da parte del conducente dell'auto, una Renault Koleos. Si tratta di un ragazzo di vent'anni che si è fermato ed è stato sottoposto al test di droga e alcol. Bisognerà anche capire se fosse distratto al momento dell'impatto, magari dal cellulare che è stato sequestrato insieme all'automobile. Al vaglio della procura di Roma che ha aperto un'indagine per omicidio stradale anche le immagini delle telecamere di zona.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.