Coronavirus, l'impatto economico

13 feb 2020

È un conto salato quello che porta con sé l'annullamento della Fiera mondiale della telefonia di Barcellona, evento cancellato dopo la disdetta di molti colossi. Da Sony a Vodafone, passando per Amazon e Facebook sono piovute le rinunce per la paura del contagio del Coronavirus cinese e adesso si calcolano le perdite. Nel solo capoluogo catalano si erano previsti 500 milioni di euro di introiti e 14 mila posti di lavoro, albergatori e ristoratori i più colpiti, ma c'è da considerare anche che salteranno i contratti in quello che è considerato uno dei più importanti eventi per il settore tecnologico. Il caso di Barcellona potrebbe essere solo la punta dell'iceberg dei temuti effetti economici dell'epidemia. In queste ore si rincorrono le stime su quale sarà l'impatto sulla Cina, primo esportatore mondiale, sull'intera crescita globale. Previsioni tutte concordi nel ritenere che il Dragone frenerà, mettendo a rischio non solo i consumi e la domanda di petrolio da parte dell'industria cinese, ma anche gli approvvigionamenti di componenti e materiali utilizzati dalle aziende di tutto il mondo. L'elenco delle fabbriche chiuse o che vanno a singhiozzo in Estremo Oriente è lungo. Da Volkswagen a Toyota, i colossi dell'auto hanno sospeso la produzione. Sigilli a molti negozi, dall'elettronica con Apple all'arredamento con Ikea. Misure precauzionali anche per centri commerciali e ristoranti. Le imprese rivedono le strategie, aggiornano al ribasso le attese sui ricavi e profitti e i mercati finanziari cercano segnali che possano fornire un orientamento sugli sviluppi dell'infezione, segnali che, però, non sempre sono chiari. Il calcolo di contagi e vittime nella regione di Hubei, focolaio dell'epidemia, secondo la nuova metodologia decisa da Pechino, eleva drammaticamente i casi, invertendo i numeri precedenti che mostravano un rallentamento e contribuendo così a innervosire gli investitori. E così, dopo due giorni di rialzi che molti hanno considerato quasi paradossali, le borse asiatiche hanno chiuso in calo l'ultima seduta. Ripercussioni sono attese, ovviamente, anche in Europa e Italia. La Commissione europea e la Corte dei conti non si sbilanciano con cifre, ma avvertono: “L''epidemia è un nuovo rischio al ribasso per l'economia.”

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.