Casa Reale: Harry sfida la regina, status definito a giorni

10 gen 2020

Non solo un fulmine a cielo non troppo sereno, soprattutto una sfida vera e propria nei confronti della corona, o meglio della donna che quella corona indossa, rappresenta e incarna da quasi 68 anni, la regina Elisabetta II. Dopo una giornata di ricostruzioni il quadro sembra chiaro. La sovrana aveva chiesto a Harry di non fare alcun annuncio circa la decisione di fare un passo indietro nella famiglia reale per il momento, ma molto semplicemente il Duca del Sussex avrebbe disubbidito con una mossa che ha scioccato il Palazzo, lasciando ferita e delusa lei, lividi di rabbia Carlo e William, che pure per settimane avrebbe cercato di fare da mediatore fino a quella che molti nel Regno definiscono una vera e propria dichiarazione di guerra che avrebbe, però, portato a qualche risultato. Se, infatti, Harry da prima di Natale cercava con il padre una soluzione all'insofferenza della sua famiglia, ma senza fortuna, in queste ore Buckingham Palace annuncia che il futuro dei Duchi del Sussex verrà deciso a stretto giro. Su ordine di sua maestà, infatti, gli uffici della famiglia reale e quelli del Governo, particolare da non trascurare, e quelli di Harry e Megan si vedranno nei prossimi giorni per trovare la quadratura del cerchio. Le domande che aspettano risposta non mancano, in primis che tipo di status avranno, in pratica, i due membri della famiglia reale, ma non senior e c'è chi commenta “Vogliono la botte piena e la moglie ubriaca, la ribalta della corona e la privacy dei civili” quali saranno, se ci saranno, i fondi a loro disposizione, quali i paletti della loro indipendenza economica, onde evitare cadute di stile, conflitti di interesse, strumentalizzazioni della corona stessa e infine, quali i loro doveri. Tutti dossier su cui trovare un compromesso, ma su un punto i due non sembrano disposti a cedere: niente più stampa reale al seguito. A decidere chi, come e quando li potrà avvicinare saranno soltanto loro. Niente più tabloid all'orizzonte, dunque una liberazione che, probabilmente, Harry aspettava da anni.

pubblicità