Elezioni Spagna, al voto in 5 milioni per le regionali

04 mag 2021

Fidel Verdugo è il titolare di Fide, uno dei locali della Calle Ponzano. Un chilometro con oltre 70 bar e ristoranti a Chamberì, il quartiere della Presidente della Regione di Madrid Isabel Diaz Ayuso. Molti ristoratori come Verdugo sono scesi in campo per appoggiare Ayuso, di nuovo candidata per i Conservatori del PP nelle elezioni che si svolgono oggi, nella Regione che dallo scorso autunno più ha scommesso sul tenere aperte le attività commerciali. "I bar e i ristoranti con i tavoli all'aperto pieni sono diventati l'immagine di una gestione di segno opposto rispetto ad altre Regioni e con risultati controversi". Madrid ha il maggior numero di contagi, è seconda per incidenza dopo i Paesi Baschi e le terapie Intensive sono occupate per oltre il 40% da pazienti Covid. L'amministrazione ha mantenuto un braccio di ferro con il Governo centrale dall'inizio della pandemia e la campagna elettorale è diventata il nuovo scenario della battaglia ideologica che ha permeato la gestione della crisi sanitaria. Il voto si vive in Spagna come un'elezione Nazionale, anche perché Pablo Iglesias, il Leader di Podemos, ha lasciato la Vice Presidenza del Governo per candidarsi alla Presidenza Regionale. Proprio Iglesias insieme al Ministro dell'Interno, alla direttrice della Guardia Civil e la stessa Ayuso ha ricevuto lettere con minacce e proiettili, in una campagna elettorale fortemente polarizzata. Il rifiuto da parte del Partito di estrema destra Vox di condannare le minacce ricevute da Iglesias, ha portato alla sospensione dei dibattiti elettorali. Il Centro- sinistra diviso in tre candidature, una dei Socialisti del PSOE, una di Podemos e una di Mas Madrid, una scissione di Podemos, si è unito nell'applicare un cordone sanitario all'estrema destra rispondendo con Democrazia o Fascismo allo slogan Socialismo o Libertà con cui si è presentata Ayuso. Il tridente spera di smentire i sondaggi che danno una netta vittoria ai conservatori che, per governare, dovrebbero però contare proprio sulla stampella di Vox.

pubblicità
pubblicità