Uragano Dorian, dopo le Bahamas, ora minaccia il Canada

08 set 2019

Ha lasciato dietro di sé devastazione e paura, trasformando quello che era un paradiso in una terra gravemente danneggiata, dalla quale i sopravvissuti cercano di scappare. Il passaggio dell'uragano Dorian alle Bahamas ha provocato oltre 40 vittime e centinaia di dispersi, oltre la distruzione di case, negozi, strutture alberghiere. Diventato nelle ore successive tempesta di categoria 1 ora si sta spostando verso nord, seguendo la costa atlantica, in Canada, riacquistando forza e classificandosi a tempesta di categoria 2, con venti che arrivano a 160 chilometri orari, secondo il National Hurricane Center e continuando a seminare danni. Nelle ultime ore ha colpito la Nuova Scozia, dove circa 500000 persone sono rimaste senza elettricità, mentre ai 400000 abitanti di Halifax è stato raccomandato di non uscire di casa. Intanto nelle Bahamas regna la desolazione. La Guardia Costiera Usa sta cercando di evacuare le persone rimaste senza casa ma non ci sono abbastanza posti sui voli e sulle navi. Ripreso anche il servizio di traghetti verso l'isola di Ocracoke, nella Carolina del Nord, ma solo per i soccorsi. Nel frattempo la capitale delle Bahamas si è offerta di accogliere gli sfollati, come spiega il direttore dell'Agenzia Nazionale di Coordinamento delle Emergenze. Nassau può accogliere le persone provenienti dalle isole attraverso programmi di rifugio, supporto alle famiglie e grazie alle nostre strutture alberghiere possiamo trovare degli alloggi per tutte le persone che provengono dalle isole e che hanno bisogno di assistenza. La Croce Rossa internazionale teme che il 45% delle case sulle isole più colpite, Grand Bahama e Abaco, ovvero circa 13000 immobili, siano state gravemente danneggiate o distrutte, mentre si calcola che la stima dei danni legati a Dorian ammonti a decine di miliardi di dollari.

pubblicità