Terremoto, esenzione fiscale per 134 paesi

02 feb 2017

Obiettivo: contrastare lo spopolamento e favorire la ricostituzione del tessuto economico. Mentre in piazza Montecitorio manifestavano gruppi di marchigiani colpiti dal terremoto, il Consiglio dei Ministri, a poca distanza, ha approvato un decreto legge, il terzo, in favore delle popolazioni del centro Italia colpite dal sisma nel 2016 e quest’anno. “Si tratta di accelerare sui problemi e sui rischi di strozzature burocratiche” ha commentato il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che assicura “saranno stanziati centinaia di milioni”. “Sulle ulteriori risorse, almeno un altro miliardo” ha precisato “non aspetteremo l’okay dell’Unione europea e ci prenderemo le nostre responsabilità”. Nei 134 Comuni del cratere verrà costituita una zona franca fiscale, che comporterà l’esenzione nel 2017-2018 da IRES, IRPEF, IRAP, IMU e TASI. L’intervento riguarderà le 67.000 imprese iscritte alle rispettive Camere di Commercio. “La nostra strategia rimane una: scuole, e ci sono i provvedimenti per accelerare la realizzazione di nuove scuole, e lavoro, imprese. Queste due scelte tengono la comunità, hanno l’obiettivo della comunità”. Si stanziano, inoltre, 80 milioni a fondo perduto per le aziende di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, che hanno subìto danni in termini di riduzione della capacità produttiva. Si prevede, inoltre, l’accelerazione dei procedimenti per la mappatura, che consentirà di scegliere le zone adatte alla ricostruzione. I manifestanti sono stati ricevuti anche dai Presidenti di Camera e Senato, Boldrini e Grasso.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast