Classifica Forbes, i musicisti più ricchi del decennio

31 dic 2019

Decimo posto per Lady Gaga. La classifica in questione non riguarda gli album più venduti, ma i musicisti più ricchi del decennio. Una top ten made in Forbes, il magazine finanziario statunitense abituato a fare i conti in tasca a star e uomini e donne d'affari. Miss Germanotta porta a casa 500 milioni di dollari, che le sono arrivati sia per le sue apparizioni live sia per quelle televisive, senza dimenticare che nel 2017 è stata la main artist del Super Bowl. 530 milioni di dollari valgono a Katy Perry la nona posizione. Anche per lei a pesare molto sono stati i concerti dal vivo. Ottavo è Paul McCartney, con 535 milioni, e una fama che senza dubbio difficilmente trova eguali. Risalendo la classifica, in settima posizione scopriamo che c'è Jay-Z. Il rapper e produttore statunitense rimedia 560 milioni, che gli sono arrivati dal tour con sua moglie, Beyoncé, e dalle sue molteplici attività musicali. Un filo sopra compare Sir Elton John, con i suoi 565 milioni di dollari. C'è un po' di tutto: concerti, apparizioni TV e proprietà. A metà classifica Puff Daddy guadagna oltre 605 milioni di dollari, una cifra importante che negli ultimi 10 anni gli è arrivata soprattutto dalla sua marca di vodka. Quasi podio, e medaglia di legno, per gli U2. Bono e compagni chiudono nella borsa 675 milioni, a dimostrazione che stare sul palco frutta. Bronzo per Beyoncé. Per lei 685 milioni, che sommati a quelli del marito Jay-Z fanno davvero una bella cifra. Incassa 825 milioni di dollari Taylor Swift. Ad appena trent'anni non c'è male. La giovane star, nata country e diventata pop, ha conquistato il mondo, partendo da una cittadina della Pennsylvania. L'incontrastato re del decennio nella classifica di Forbes è Dr. Dre. Il rapper e super produttore ha incassato, udite udite, 950 milioni di dollari. Li ha guadagnati un po' per la sua musica, ma soprattutto per aver venduto ad Apple il 20% delle quote societarie della sua famosa marca di cuffie hi-tech.

pubblicità
pubblicità