L'assurdità della guerra secondo Clooney in catch 22

13 mag 2019

“Può esonerarmi se sono pazzo, vero?” Il paradosso della guerra, una serie su quanto possa essere difficile combattere quando l'unico pensiero è sopravvivere. Arriva in Italia in sei episodi la serie tratta dal classico della letteratura americana del XX secolo, Catch 22. Quella è sempre la mia riga. No signore, è la mia ultima riga, l’ho letta un attimo fa. Produttore esecutivo, attore regista di due episodi, il premio Oscar, George Clooney, al suo fianco un cast straordinario, da Christopher Abbott a Kyle Chandler, in onda dal 21 maggio su Sky Atlantic. Vorreste condividere con noi un aspetto positivo e uno negativo nell'avere George Clooney come regista? Inoltre avete passato molto tempo tra Roma e la Sardegna. Sarà stato un duro lavoro. La serie vede nel cast anche Giancarlo Giannini. Ha delle idee sulla guerra abbastanza strane e curiose. Direi che è quasi un paradosso. Questo è il divertente. Gli piace la guerra e odia la guerra gli piacciono gli americani quando ci sono e anche i tedeschi quando ci sono. Quindi un perfetto italiano, quasi napoletano. Non fa la benché minima differenza chi vince la guerra.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.