Gomorra 5, i ricordi di Ivana Lotito - Azzurra

La prima scena che ho girato di Gomorra 2 era esattamente la prima scena anche da scrittura. È accaduto questo miracolo che non accade quasi mai quando si gira qualcosa, quindi di fare in ordine cronologico. Quindi era proprio il nostro primissimo incontro, quello mio e di Genny ed eravamo, cioè io ero emozionatissima. "Mio padre dice che non ti ricordi di me". L'abbiamo fatta veramente all'infinito, ma perché io dopo dovevo placare la mia tensione fortissima. Però poi devo dire che ci siamo divertiti molto, cioè, appena poi mi sono lasciata andare, mi sono calmata e ci siamo divertiti molto, insomma è stato bello poter cominciare da lì, proprio dall'inizio. "E ha sbagliato assai?" - "E chi lo sa?" Il ritorno di Genny dopo l'Honduras, quando ammazza il cane e si ritrova davanti donna Imma. "Dovrei uccidere anche te". Tutto quel monologo dell'Honduras è epico. "La sera, gli honduregni mi misero un machete in mano e gridavano uccidilo uccidilo. Io pregavo, pregavo che qualcuno mi venissi a salvare, che tu mi venissi a salvare, ma niente e loro continuavano a gridare uccidilo o noi uccidiamo te e allora l'ho fatto. Ho iniziato a tagliare prima la testa, poi le braccia, poi le mani, l'ho fatto in tanti pezzi". La Scianel, la sua risata. L'introduzione del suo personaggio è stata bellissima. "La pantera è bella assai, ma non conta un xxxxx. Invece, in mezzo alle iene a comandare sono le donne". E poi mi viene in mente Ciro, ma mi viene in mente proprio nei suoi occhi, nei suoi commenti, nella sua ferocia, "Con queste mani, vedi Gennaro, ho ucciso la mia Deborah" e nelle scene con Genny. "Spara che mi sono stancato" - "Tu puoi mentire a te stesso, non a me" - "Spara" "Uccidere la mamma dei tuoi figli è una cosa che non puoi scordare" - "Spara".

pubblicità
pubblicità