Clima, Greta Thunberg diserta la Cop26 a causa del virus

09 apr 2021

É un NO pesante, quello che arriva da Greta Thunberg, l'attivista che ha lanciato i Fridays For Future, due anni e mezzo fa, davanti al Parlamento di Stoccolma. Ha annunciato che non parteciperà alla Cop 26, la conferenza sul clima delle Nazioni Unite, in programma a Glasgow, il prossimo novembre. Non è solo una protesta legata alla mancanza di un'accelerazione sul fronte delle politiche verdi, ma un autentico invito al Governo britannico, a rimandare il vertice, fino a quando il tasso di vaccinazione non sarà aumentato e non solo nel Regno Unito, ma in tutto il mondo. Tutto dovrebbe svolgersi nel miglior modo possibile, scrive la Thunberg e il miglior modo possibile, sarebbe che tutti fossero vaccinati il prima possibile, così che possano partecipare. La Cop26 è già stata rinviata lo scorso anno, nel pieno della prima ondata del virus. Nelle prossime settimane, le delegazioni dovrebbero iniziare i lavori per preparare il terreno e mettere a punto i documenti con gli impegni che gli Stati dovranno assumersi. La Gran Bretagna va veloce sul fronte vaccini, ma ormai è chiaro che non sarà finita per nessuno, fin quando il virus circolerà, anche se ci sembrerà lontano, sarà sempre troppo vicino. Ora si aspetta la risposta del Palazzo di Vetro, ma ancora una volta, sono i più giovani come Greta a dare una lezione di maturità e consapevolezza ai grandi della Terra.

pubblicità
pubblicità