Vaccino, Niguarda: anticorpi per il 98,4% vaccinati Pfizer

11 mar 2021

Al momento la protezione è altissima. Il 98,4% ha sviluppato anticorpi su 2497 tra medici e personale sanitario vaccinati al Niguarda con Pfizer tra gennaio e febbraio solo 4 persone non li hanno prodotti. Ma si tratta di 4 persone particolari, nel senso che avevano vari gradi di immunocompromissione, alcuni prendevano immunosoppressori e quindi è giustificato che non abbiano avuto una risposta al vaccino. Insomma, per il 62% dei vaccinati gli anticorpi sono superiori a 2000 Baù che l'unità di misura internazionale. Solo il 4,3% al di sotto 1000, ma comunque sono protetti. La cosa interessante è che tutte le persone vaccinate di queste persone che vivono in ospedale, lavorano in ospedale non si sono ammalate. Se lei considera che oramai in Lombardia oltre il 40% sono varianti inglesi, indirettamente possiamo così affermare che il vaccino funziona benissimo anche sulla variante inglese. Quello che appare evidente è che il vaccino RNA Messaggero funzione e protegge dopo la seconda dose. Lo studio sarà ripetuto dopo 3, 6 e 12 mesi per capire quanto durano gli anticorpi. Sarà così anche per i vaccini con Adenovirus inattivato? Tutti i vaccini che abbiamo hanno un concetto diverso di partenza, ma alla fine tutti i vaccini fanno produrre all'organismo le proteine verso le quali si fanno gli anticorpi. I vaccini che noi abbiamo adesso sono tutti sicuri ed efficaci.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast