Entro il 2018 via le bibite zuccherate dalle scuole UE

06 set 2017

Addio ad aranciate e cole durante l’intervallo di scuola. Da qui al 2018 le bevande zuccherate spariranno dai distributori degli istituti di tutta l’Unione europea, per essere sostituite da drink senza calorie e soprattutto dalle classiche bottigliette d’acqua. Non è una nuova direttiva imposta da Bruxelles, ma una piccola rivoluzione salutistica che viene attuata su base volontaria dagli aderenti all’UNESDA, l’associazione europea che racchiude i più famosi marchi di bibite analcoliche. L’iniziativa riguarderà solo i quaranta milioni di studenti delle scuole superiori, dato che le imprese in questione hanno già da tempo deciso di astenersi dalla vendita di drink zuccherati negli istituti primari. Una scelta che viene definita di marketing responsabile e che fa il paio con i piani industriali per arrivare a produrre prodotti sempre meno calorici. D’altra parte, il rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità su obesità e adolescenza mostra come negli ultimi anni i giovani europei stiano cambiando decisamente abitudini, diminuendo notevolmente i consumi di quelle bibite che sono spesso una delle cause principali dell’aumento di peso. Basti pensare che una lattina della bevanda gassata più famosa al mondo contiene l’equivalente di circa otto bustine di zucchero.

pubblicità
pubblicità