Ocean rescue, l'arte di Pistoletto a Catania

Il simbolo dell'infinito. Due cerchi esterni che rappresentano il paradiso naturale e quello artificiale, a cui si aggiunge un cerchio centrale chiamato terzo paradiso, che attua la connessione l'equilibrio tra i due elementi in contrasto, promuovendo la sostenibilit� ambientale. Una gigantesca installazione, opera dell'artista piemontese Michelangelo Pistoletto, realizzata per la prima volta in mare sul pontile al porto di Catania, con la collaborazione di tanti cittadini che hanno utilizzato solo bottiglie e sacchetti, recuperati dal Mediterraneo. Un'opera dal forte significato, a sottolineare la grave minaccia ambientale che colpisce il nostro mare ormai invaso dalla plastica. Questo � il simbolo della trasformazione responsabile della societ�, della rigenerazione, � un simbolo universale e lo dobbiamo adottare. Dal simbolo si passa alla pratica. � un simbolo che � reso pratico dalla raccolta di plastica che � servita per fare il simbolo. L'opera rester� esposta per un mese, poi verr� smantellata e i rifiuti smaltiti nel modo pi� appropriato. L'obiettivo dell'artista e della Fondazione OELLE Mediterraneo Antico, patrono del progetto � quello di offrire un esempio ben visibile, che dia un contributo per stimolare un cambiamento nella mentalit� delle persone e una inversione di tendenza nella logica dell'economia che per produrre e consumare, � costretta ad inquinare. Trasformare il mare da inquinato a pulito significa anche trasformare la mentalit� comune, il sistema economico, Il sistema consumistico quindi � un progetto di vasta portata. Abbiamo la responsabilit�, le norme di cambiamento. Speriamo di farcela in tempo prima di arrivare al disastro completo.


  • TAG