Coronavirus, Bassetti: "Terapia intensiva è una precauzione"

28 feb 2020

Però attenzione, perché dobbiamo chiarire un concetto che le persone forse non capiscono: andare in terapia intensiva non vuol dire essere nell'ingresso della morte. Tante volte si manda un paziente in terapia intensiva perché lo si può ventilare meglio, non necessariamente intubarlo. Intubarlo vuol dire mettere un tubo attraverso il quale si possa far ventilare il paziente. Si può anche mandare in terapia intensiva per fare l'ossigeno ad alti flussi per esempio, quindi è un modo precauzionale che uno ha. Quindi cerchiamo di dare dei messaggi corretti, perché dire che è andato in terapia intensiva non vuol dire niente, tanto è vero che il primo paziente, il trentottenne, è stato un periodo piccolo in terapia intensiva e adesso è andato in un reparto normale, quindi cerchiamo di non dare anche, come dire, dei messaggi fuorvianti.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.