Cortina, prende fiato col mondiale sci ma stagione è persa

17 feb 2021

Travolta dall'atmosfera frizzante dei mondiali di sci, la regina delle Dolomiti è più che mai affascinante. Gli aperitivi nelle terrazze degli alberghi, lo shopping, le passeggiate in Corso Italia. I maxischermi, le gare e gli eventi. Una boccata d'ossigeno per l'economia della Valle d'Ampezzo, dove tutto era pronto per la riapertura degli impianti di risalita e per l'avvio, seppure in forte ritardo, della stagione invernale. La notizia dell'ulteriore slittamento al 5 marzo ha improvvisamente spento ogni entusiasmo e gettato nell'incertezza anche la regina delle Dolomiti. Dopo questi giorni frizzanti dei mondiali che Cortina d'Ampezzo si prospetta tra pochi giorni, quindi. Non glielo so dire. È tutto assolutamente imprevedibile e aleatorio, i movimenti dalle altre regioni non sappiamo se saranno permessi, quindi è assolutamente difficile da dire in questo momento. Io credo che nessuno aprirà. A Cortina, probabilmente il 5 marzo gli impianti non riapriranno, i danni per l'economia delle valli alpine sono incalcolabili. Immediatamente agli annunci governativi di chiusura degli impianti di risalita molti clienti hanno chiamato dicendo che rimanevano a casa. È evidente che due settimane di mondiali non coprono la stagione. Abbiamo lavorato per spirito anche diciamo di bandiera, per dare un servizio, siamo disperati. Una stagione così, mai iniziata, come e quando si recupera? Non si recupera, non si recupera. La mia società segnerà zero sul lato degli incassi, dei fatturati per quest'inverno.

pubblicità
pubblicità