Covid, test rapidi per chi arriva da Usa, senza quarantena

26 nov 2020

Oggi l'areoporto è più spettrale del solito, novembre è sempre stato un mese di traffico ridotto, ma mai così, meno 92%, neanche 5000 passeggeri al giorno, livelli addirittura più bassi di quelli del lockdown della scorsa primavera. Deserta anche l'aria covid, 67 i test rapidi di ieri, pochi a fronte dei 700 della scorsa estate. Per rendere l'aeroporto più sicura l'intesa con Alitalia, Delta e Lufthansa, con l'ok dei ministeri di salute, trasporti ed esteri, mette a punto voli covid free con corridoi puliti. Faranno un test rapido in partenza da New York e da Atlanta, abbiamo scelto queste due destinazioni di origini importanti per noi e sono sollevati dall'obbligo di quarantena perché inutili. Operativi probabilmente intorno al 10 dicembre con i test, i passeggiari in arrivo a Fiumicino da New York con Alitalia e da Atlanta con Delta, non avranno più l'obbligo di quarantena fiduciaria nel nostro paese come previsto ora. La prima iniziativa sperimentale del tampone rapido in aeroporto, fatto prima del volo, obbligatorio e gratuito che consente di avere risultato rapido entro 30 minuti, è partita sempre a Fiumicino sui voli da e per Milano Linate il 16 settembre. Secondo Iata questi controlli hanno scoperto che lo 0,8% dei passeggeri risulta positivo al coronavirus.

pubblicità