Investire in mobilità sostenibile per vivere meglio

Più colonnine elettriche, più restrizioni al traffico, più tram, metro e treni. Con un investimento da 36 miliardi di euro da spalmare in un decennio, la mobilità sostenibile in Italia potrebbe realizzarsi concretamente. L'investimento è più di una finanziaria, certo, ma i benefici in termini ambientali sarebbero di gran lunga superiori. Entro il 2030 si avrebbe l'abbattimento di un terzo delle emissioni di gas serra e una diminuzione del 69% delle polveri sottili. È il risultato di uno studio realizzato dalla società di ricerca economica Agici, che parte dal presupposto di investire sulla mobilità urbana per vivere. Possiamo raggiungere obiettivi di decarbonizzazione importante attraverso la mobilità sostenibile, possiamo ridurre le emissioni all’interno delle città del 30% e stiamo parlando solo di CO2. Possiamo ridurre le emissioni inquinanti, quindi il PM10 che è molto più impattante sulla salute. Ci vuole un contributo delle imprese e soprattutto delle istituzioni. Insomma, per una mobilità meno impattante occorrono politiche lungimiranti e la sinergia di forti interventi tra pubblico e privato. Molte aziende già fanno la loro parte. Enel X, per esempio, ha previsto un investimento di 220 milioni per dotare le nostre città delle colonnine per ricaricare le auto elettriche. Gestiamo già oggi più di 8000 punti di ricarica e stiamo continuando a installare circa 50 a settimana, in modo tale da permettere, quando si diffonde la mobilità elettrica, di poter ricaricare la propria autovettura. Il passaggio del traffico dalla strada alle rotaie è poi la sfida cruciale, con il duplice effetto di ridurre lo smog, ma anche di decongestionare il traffico e le stazioni ferroviarie, sempre più veri e propri hub che avranno un ruolo strategico. Ogni stazione ha una sua collocazione e una sua necessità di essere disegnata e definita nel modo dei collegamenti con il territorio circostante, in modo tale che sia la condizione perché il pendolarismo si realizzi attraverso le infrastrutture sostenibili.


  • TAG