A Roma primo raduno dei 150 promotori delle Sardine

15 dic 2019

Il giorno dopo il grande raduno a piazza San Giovanni a Roma. I promotori delle manifestazioni delle sardine in tutta Italia e sono 150 persone si incontrano sempre nella capitale, in un Palazzo occupato passato agli onori delle cronache perché fu quello dove il cardinale elemosiniere del Papa andò a riattaccare la corrente staccata per morosità. Scelto forse non a caso, visto che i valori rilanciati orgogliosamente dalle sardine sono quelli di sinistra e Salvinismo, sovranismo e populismo sono identificati come l'avversario. Questo appuntamento per molti di loro è la prima occasione di guardarsi in faccia. In un mese appena di vita del movimento si sono sempre parlati via social o telefono e adesso si pensa al futuro. Ricco di potenziale il nostro obiettivo è superiore al 25% dice la sardina più in vista Mattia Santori, ma per il momento niente di più strutturato. Il primo obiettivo di questa riunione, di questo incontro è tornare il prima possibile nelle piazze e coinvolgere i territori che ancora non sono stati coinvolti delle sardine. Ascolto, empatia, dialogo, accettazione della diversità. Questi i concetti ripetuti nel messaggio via Facebook diramato con la foto di gruppo dei partecipanti al primo congresso delle sardine in cui si fa capire che per il momento la politica loro intendono farla così. Con la partecipazione nelle piazze e non con liste o candidati. No assolutamente. È stato deciso è stato chiesto anche perché non è mai stato nei nostri pensieri quello di formare una lista civica che si chiamasse sardine. Non c'è un coordinatore regionale non c'è un coordinatore provinciale non c'è un coordinatore nazionale. Dopo ora confrontarsi e limare un testo condiviso, arriva un comunicato che ribadisce la linea comune. E' già un primo passo verso un'organizzazione ma non è ribadiscono, niente simile a un partito.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.