Covid, la situazione in Lombardia e ipotesi lockdown

02 nov 2020

Sono i numeri di un conto alla rovescia. Dai contagi dipende un possibile lockdown. I positivi in Lombardia sono in lieve calo: 8 mila 919 con 46 mila 781 tamponi effettuati. Il rapporto è del 19,07%, 392 i posti occupati in terapia intensiva, più 22 nelle 24 ore, 73 le persone decedute. L'appuntamento tra Regioni e Sindaci dei Comuni capoluogo è per lunedì, saranno confrontati i dati in rapporto alle restrizioni per valutarne l'efficacia dal coprifuoco delle ore 23:00 in poi. Sotto le volte della Regione si avvicendano modeste manifestazioni, partite Iva e lavoratori autonomi con bandiera tricolore chiedono aiuti. Il Presidente Fontana annuncia test antigienici rapidi a disposizione delle Ats già da lunedì. La Giunta di martedì ne disciplinerà l'utilizzo anche nel privato. I medici potranno eseguire i tamponi veloci negli ambulatori, ma anche nelle farmacie saranno a disposizione, purché si trasmettano i dati all'ATS. Nel profondo Pavese, a Robbio, il Sindaco, già all'avanguardia per gli esami sierologici in primavera, continua a fare da sé: test salivari rapidi e chi lo contatta nell'ansia di tenere un tampone. Abbiamo notato per l'ennesima volta che il sistema sanitario nazionale è in forte affanno, le persone prenotano il loro tampone, ma viene preso appuntamento dopo oltre 15 giorni. La soluzione è fare il test rapidamente al maggior numero di persone possibile. È il caso della parrucchiera che, sentendosi poco bene, ha chiamato il Sindaco: consegna a domicilio, test fai da te, apprensione per l'esito. Si sente più tranquilla? Sì tranquillissima. Sono felicissima di averlo fatto. Grazie mille.

pubblicità