Crocifisso a scuola, Fioramonti: toglierlo non è priorità

02 ott 2019

“Ad una domanda insistente e precisa, mi sono limitato a dire che io credo in una scuola laica e che mi sarebbe piaciuto vedere la Costituzione sulle pareti”. Levata di scudi, vespaio mediatico. Il Ministro dell'istruzione Fioramonti non ci sta. Togliere il crocifisso dalle aule non è un tema all'ordine del giorno - precisa - figuriamoci una priorità. Diverso è il discorso per lo ius culturae. La natura laica della scuola non è mai venuta meno, sottolinea il capogruppo democratico alla Camera Graziano del Rio. L'idea di Fioramonti è offensiva nei confronti di tutti i cittadini italiani, ribatte Matteo Salvini. Quello dei simboli religiosi nelle aule resta un argomento che nel nostro Paese divide e fa discutere. In Francia ne è proibita l'esposizione nelle scuole pubbliche, in Belgio anche nelle comunali. In Germania è ammessa in Baviera, in Austria invece è garantita dal 1949, ma se almeno la metà degli alunni appartiene ad una delle confessioni cristiane.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.