Dispersi monte Velino, a 10 giorni nessuna traccia

03 feb 2021

I familiari di Tonino, Valeria, Gianmauro e Giammarco attendono ai lati del campo base, sono qui da 10 giorni, non si arrendono anche se il tempo ha ormai ridotto le speranze di trovarli vivi. I loro cari si erano avventurati partendo da qui, da forme di Massa d'Albe, per una passeggiata sul monte Velino e si pensa siano stati travolti da una valanga nella Valle Majelama. Sarebbe quella valle che entra sulla nostra destra olografica, da qui si vede poco, è una valle molto ampia, parte da 1100, arriva fino a 2002, si percorre per 14 chilometri. Ricerca difficili fin dall'inizio per le condizioni meteo e per la neve, scesa copiosa già da quella sera, decine di uomini specializzati, di più corpi, sono portati in quota dagli elicotteri e affinacati da speciali sonar che dall'alto, in volo, rilevano metalli, due dei 4 dispersi erano esperti montanari, conosciuti da queste parti e non ci si spiega l'accaduto. Tonino questa montagna la conosceva meglio di noi formesi, era un esperto, non so cosa è successo ieri mattina, è passato a prendere il caffé, gli ho fatto l'ultimo caffè io. In montagna d'altronde il rischio c'è sempre, ricorda il soccorso alpino, anche per chi è esperto, bisogna essere prudenti. La task force coordinata dalla Prefettura e dalla protezione civile proseguirà nei suoi sforzi, supportata anche dalla regione. Noi siamo al fianco, logisticamente, economicamente. Le ricerche non si fermano, le ricerche vanno avanti, noi ancora ci crediamo.

pubblicità
pubblicità