Rossi, Cabrini: mi manchi già

12 dic 2020

Ciao Paolo, non mi sembra vero, non sei più tra noi. Io non ho perso solo un compagno di squadra, ma un amico di quelli che incontri sul tuo cammino e diventano amici per sempre. Un fratello, le emozioni che abbiamo condiviso hanno stravolto la nostra vita, regalandoci delle sensazioni impagabili. Insieme abbiamo sconfitto le delusioni, combattuto e vinto, e a volte perso sempre rialzandoci, con la forza di guardare avanti al prossimo traguardo. Insieme noi abbiamo conosciuto il significato vero di questa parola. Siamo stati parte di un gruppo, quel gruppo, il nostro gruppo. Io non credevo che ti saresti allontanato così presto. Pensavo che avremmo camminato ancora un bel po' insieme. Ti vedo ancora scartare furtivamente una caramella e infilartela in bocca senza farti notare. Con la rapidità che ti era conosciuta da tutti e che meritavi in tanti tuoi gesti. Tu già mi manchi, mi mancano le tue parole di conforto, le tue battute, i tuoi stupidi scherzi, le nostre litigate, le tue improvvisate e il tuo sorriso. Mi manca proprio tutto di te, perché sono quelli come te che rendono bella l'amicizia. Oggi voglio ringraziarti amico mio. Grazie perché se io sono quello che sono lo devo anche al meraviglioso amico che sei stato. Ciao Paolo, sappi che non ti lascio andare, sarai sempre dentro di me. Ti prometto di stare vicino a Federica e ai tuoi figli, ma tu stammi vicino, rimani vicino a tutti noi. Ciao Paolo.

pubblicità