Vaccini, nel Lazio più del 57% degli over 80 già inoculati

10 apr 2021

735 pazienti onco ed ematologici vaccinati con la seconda dose questo fine settimana e altri 700 il prossimo. I malati ad alto rischio seguiti dal Policlinico Umberto Primo di Roma completano il loro percorso vaccinale contro il Covid-19: un traguardo importante e atteso. Poter dare delle vaccinazioni In tempi rapidi può permettere a noi, a loro di poter continuare le loro terapie per altro non procrastinabili in totale sicurezza. Sulla scia delle ultime indicazioni del Commissario straordinario, Figliuolo, la Regione Lazio accelera sui vaccini alle fasce più deboli. Se oltre il 57% degli over 80 ha già ricevuto la seconda dose, per gli over 70 dal 19 aprile saranno attivi tre nuovi hub a Cinecittà, Tor Vergata e Valmontone. E noi siamo la prima regione anche sugli over 70, abbiamo vaccinato in prima dose già il 47% e desideriamo correre su questo. Nonostante le rassicurazioni sui reali effetti collaterali del vaccino astraZeneca, ancora molte persone al momento della prenotazione dell'appuntamento chiedono di non ricevere quello dell'azienda Anglo-Svedese. Prioritario è vaccinarsi oggi e vaccinarsi con gli strumenti che abbiamo a nostra disposizione e con le forniture che ci vengono fatte per cui non bisogna temere nulla e gli over 60 con AstraZeneca va benissimo. Per l'Assessore Regionale alla Sanità il Lazio il centro potrebbero candidarsi a polo farmaceutico d'eccellenza e Roma, in particolare, potrebbe ospitare la nuova Autorità Europea per la preparazione alla risposta alle emergenze sanitarie. Roma, la Capitale ha tutte le caratteristiche per ospitare l'Agenzia Europea sia per quanto riguarda la capacità di ricerca attraverso le nostre Università sia attraverso la capacità produttiva. Qui c'è il polo, il distretto farmaceutico più importante a livello nazionale. Qua viene fatto il 11,4% dell'export nazionale.

pubblicità
pubblicità